Mantenimento di fertilità agli uomini: crioconservazione del seme e del tessuto testicolare

Nei  forum sociali e medici si fanno molte discussioni sullo stile di vita moderno. Studi affidabili fatti da centri di ricerca e università riconosciute a livello internazionale incriminano molti fattori della vita quotidiana che riguardano la salute. Fumo, sia attivo che passivo, l’ eccessivo consumo di alcool, l’ esposizione ad agenti chimici e alle radiazioni sono alcuni fattori che minacciano direttamente la salute. Molti di questi  fattori minacciano in gran parte anche la fertilità, e l’ esposizione volontaria o involontaria impedisce la prospettiva riproduttiva.

Soluzione in questa preoccupazione di oggi provano a dare gli sviluppi al settore della criobiologia, con la crioconservazione del seme per gli uomini. Quest’ ultima trova applicazione clinica da molti anni e ha dato la possibilità, in tanti uomini di avere figli, anche dopo trattamenti che provocano permanente o  temporanea perdita della loro fertilità.


En particulier

 

Quali uomini possono approfitarsi della crioconservazione del seme

– Uomini adulti o adolescenti che sono oggetti di trattamento contro il cancro
Gli enormi sforzi negli ultimi anni per l’ oppotruna e valida diagnosi del cancro hanno prolungato non solo la sopravvivenza del paziente, ma anche il suo orientamento nella vita oltre il trattamento. I vari piani terapeutici per combattere il cancro (chemioterapia, radioterapia, intervento chirurgico) possono influenzare negativamente i testicoli (il sito di produzione primaria del seme) influenzando così non solo la spermatogenesi ma anche la funzione sessuale (diminuzione della libido, eiaculazione retrograda e disfunzione erettile). La crioconservazione del seme prima dell’ inizio del trattamento garantisce il mantenimento della fertilità ed ha un effetto decisivo alla buona psicologia del paziente.

– Uomini adulti o adolescenti che sono oggetti di trattamento che possa influenzare la loro capacità riproduttiva
Ci sono dei trattamenti terapeutici che possano influenzare la fertilità di un uomo per un lungo periodo di tempo. L’ uso di medicine immunosoppressori ( p.e. per trapianti di organi o per malattie come l’ artrite reumatoide) è noto che influenzano negativamente il funzionamento regolare della spermatogenesi. Nella prospettiva di tali piani terapeutici, il paziente deve informarsi per l’ eventuale diminuzione temporanea della qualità del suo seme e, sopratutto, per la possibilità della sua crioconservazione, prima dell’ inizio del trattamento.

– Uomini sottoposti ad un intervento chirurgico
Un intervento chirurgico al testicolo (p.e.varicocele) al prostate o alla vescica, per qualsiasi motivo, può causare permanenti o temporanei cambiamenti al funzionamento riproduttivo del paziente. Inoltre, può aggravarlo con un grado di disfunzione erettile. In questi casi viene consigliata la crioconservazione del seme prima dell’ intervento, specialmente se il paziente è giovane e non ha figli o si trova nel mezzo di un processo di riproduzione assistita. In questo modo, il paziente è difeso contro qualsiasi eventuale complicazione che riguarda la sua salute riproduttiva.

– Uomini esposti ad agenti chimici
Il professionale ma anche il dilettante uso di agenti chimici e soppratutto di pesticidi,fertilizzanti,ed erbicidi,sia a livello di produzione (agricoltori,agronomi,giardinieri) che a livello di applicazione,costituisce ancora un fattore aggravante per la fertilità maschile.Ancora più urgente è il bisogno in persone che conoscono che stanno per esporsi in un agente tossico,come soldati prima di un’eserzitazione militare, polizioti, operai in fabriche di elaborazione di prodotti petroliferi, pigmenti trattati ecc.
Allo stesso modo,persone i cui testicoli vengono quotidianamente esposti intensamente a temperature alte, a causa di continua posizione seduta (autisti,conduttori di taxi,impiegati),c’è una grande possibilità di avere una scarsa capacità riproduttiva.In tutti i casi menzionati sopra,la crioconservazione del seme è utile e anticipa situazioni che probabilmente porterano difficoltà in imminenti tentativi di avere figli.

– Uomini con oligoastenospermia
Gli ultimi decenni, la tendenza degli uomini di avere figli in un’ età maggiore rispetto al passato aumenta la necessità di mantenere la loro fertilità. Questa necessità è più intensa agli uomini che hanno una scarsa qualità di seme. Con la crioconservazione, i giovani uomini con infertilità documentata possono assicurare la loro dinamica riproduttiva in qualsiasi età e, fare una famiglia se lo decidono,una cosa che vale per tutti gli uomini che non desiderano farlo presto.

Il processo di crioconservazione del seme
Il processo è relativamente semplice. Parte con la raccolta del seme con masturbazione.Segue controllo ed elaborazione del campione, la cui prima analisi determinerà la motilità degli spermatozoi.Dopo l’ elaborazione con speciali materiali crioprottetivi, il campione passa dal processo di riduzione graduale della temperatura fino ai -196oC (temperatura nella quale smettono tutte le conosciute funzioni biologiche della cellula) e viene conservato in contenitori con azoto liquido specialmente formulati per questo scopo. In casi di azoospermia, la raccolta del seme viene fatta chirurgicamente dall’ epididimo(PESA) o il testicolo (TESE).

La crioconservazione del seme, come mezzo di mantenimento della fertilità degli uomini, è nella maggior parte dei casi, facile, indolore e senza significativi costi aggiuntivi. Quindi va considerata una possibilità di scelta, specialmente in casi di persone che non hanno concluso la creazione della loro famiglia. L’ informazione solo può garantire la paternità a tanti uomini e offrirgli la possibilità di avere i propri figli biologici, anche sotto condizioni che hanno come risultato sterilità temporanea o permanente.
Il team scientifico di Embryolab, essendo specializzato alla crioconservazione, la applica con ottimi risultati. Questa scelta riflette l’ impegno dell’ Unità di offrire alle coppie che la scelgono efficaci e responsabili servizi di riproduzione assistita, con rispetto al sogno di avere figli.




PERCHÉ EMBRYOLAB?

  • L’ esperienza, dal 1995, delle risorse scientifiche di Embryolab permette la miglior possibile conservazione del seme, con  le minime perdite.
  • L’ Unità è dotata di un sistema speciale di crioconservazione, con il quale garantisce i migliori risultati.



Crioconservazione di tessuto testicolare

La diagnosi della azoospermia, molto spesso, viene accompagnata da biopsia dei testicoli . Durante questo processo, vengono prelevati campioni di tessuto testicolare, per  accertarsi della presenza di spermatozoi maturi. I campioni di tessuto vengono sottoposti in un particolare elaborazione, e in seguito, vengono esaminati con l’ aiuto del microscopio per la presenza di spermatozoi. Nel caso che ci trovano, questi vengono crioconservati  per un uso futuro in una fecondazione in vitro.

Il metodo della crioconservazione di spermatozoi  viene applicata con successo da tanti anni. Particolarmente per gli spermatozoi testicolari è considerato particolarmente efficace, tranne, forse, alcuni casi gravi di azoospermia non ostruttiva, dove gli spermatozoi sono rari e con gravi lesioni morfologiche e funzionali. Solo in questi  casi, è probabile che abbia beneficio limitato.




PERCHÉ EMBRYOLAB?

  • L’ esperienza dal 1995 delle risorse scientifiche di Embryolab permette la miglior possibile conservazione del seme, con  le minime perdite.
  • L’ Unità è dotata di un sistema speciale di crioconservazione, con il quale garantisce i migliori risultati.



points-d-excellence2


10anees


ofir